L’osteopatia pediatrica si occupa di valutare la postura del bambino e di trattare poi eventuali rigidità e limitazioni di movimento con specifiche manovre e manipolazioni.
Nel neonato si affrontano torcicolli miogeni e plagiocefalie con i loro sintomi associati come disturbi del sonno, rigurgiti e reflusso gastro-esofageo, coliche gassose, stipsi, irrequietezza.
Nel bimbo più grande in crescita si trattano difetti dell’appoggio plantare, asimmetrie della colonna vertebrale, dolori articolari e varie problematiche legate all’aeuqilibrio del sistema tonico posturale valutati in collaborazione con diverse figure professionali come l’ortopedico, l’oculista e/o l’ortottista, la logopedista, l’ortodontista, la nutrizionista, l’omeopata.

La prima visita servirà per fare una valutazione posturale osteopatica ed individuare eventuali deficit funzionali dei recettori del sistema tonico-posturale (occhio, occlusione, articolazioni, piede,..). Dopo il primo trattamento manuale si imposteranno con i genitori i successivi appuntamenti che verranno decisi anche insieme alle altre figure professionali che potrebbero essere richieste per trattare il caso specifico.

Articolo a cura di:

CONTATTACI